Alcuni estratti da Sunrise

‘Sunrise’ è una lunga storia, letteralmente.

E’ stato il primo momento in cui ho realizzato che avrei potuto scrivere un romanzo, oltre che leggerlo. La prima volta in cui avevo una storia che mi sarebbe piaciuto leggere, ma non esisteva, e quindi l’ho scritta.

Avevo tredici anni quando l’ho iniziata, l’ho scritta per la maggior parte dei miei quattordici, e probabilmente un pezzo dei quindici. Poi è diventata troppo infantile.

Giusto per avere un quadro generale, parla di una ragazzina che viene risucchiata nel suo libro preferito. Il concetto era molto più avanzato di quanto non pensassi, al tempo.

In ogni caso, butto qui qualche estratto.

 

.-*.-*.-*

Erano le circa le due di notte, la luce della luna filtrava attraverso le tende azzurre della stanza di Ginevra, creando un’atmosfera tranquilla. O almeno lo sarebbe stata se dal piano inferiore non fossero arrivate le voci e i rumori della festa di quell’amica di sua madre.

“Ginevra scendi immediatamente! Non è educato non farti neanche vedere per cena, soprattutto se hai ospiti!” al solito, si aspettava che partecipasse alla calorosa vita famigliare.

“No! Ho sonno… è dalle sei che sono sveglia!” rispose distrattamente, perfettamente cosciente del fatto di non essere stata nemmeno sentita. Sospirò, e diede uno sguardo alla camera, come al solito perfettamente in ordine. Ogni cosa aveva un suo posto: i libri di scuola nello scaffale, i pupazzetti che le avevano fatto compagnia da piccola riposti in un cassetto dell’armadio, i vestiti piegati o appesi vicino al letto. Sul balconcino c’era il telescopio che le aveva regalato papà per i suoi quattordici anni. All’interno, appese alle pareti, diverse illustrazioni riguardanti le leggi che regolano il movimento dei corpi nello spazio, che lei adorava come se fossero state fotografie autografate del suo cantante preferito. Appoggiata sulla scrivania c’era la custodia dell’ottavino, in realtà usato solo il giovedì pomeriggio con un professore decisamente singolare che più che insegnarle a suonare sembrava fare le prove per un cabaret. Sul pavimento non c’era nulla, a parte i cavi del computer e della piccola televisione che la mamma le aveva finalmente permesso di sistemare, dopo immense spiegazioni su quanto sarebbe potuto essere istruttivo poter guardare il TG la sera tardi, senza disturbare lei e le sue telenovelas.

In fondo, quella stanza la rispecchiava: Ginevra era una ragazzina sveglia, con le proprie idee e una passione innata per l’astronomia. Non era molto alta, aveva dei capelli castano-rossicci che preferiva legare e un naso che riteneva decisamente troppo grosso e sgraziato. In compenso, aveva due occhi così azzurri da togliere il fiato. Era una ragazza molto ordinata, e le piaceva studiare, almeno tanto quanto la spaventava andare a scuola. Non che si trovasse male, no, ma la scuola poteva darle e toglierle tutto, tutta la poca stabilità che aveva accumulato nel corso del tempo. E il fatto che il passaggio per il liceo era vicino le metteva ancora più ansia.

In realtà, più che osservare la stanza, stava pensando. Pensando a papà e mamma, alla loro ormai stabile situazione e alla sua, di situazione. Erano ormai più di tre mesi che i suoi genitori avevano divorziato, anche se le cose non erano cambiate molto se non per l’aspetto burocratico: per scelta del giudice il padre avrebbe potuto vederla ogni due week-end e due settimane nei mesi estivi, per tutto il resto del tempo sarebbe stata con la mamma. Più o meno come avevano già deciso di fare quando si erano presi ‘una pausa di riflessione’ durante la quale avevano preferito lanciarsi insulti piuttosto che riflettere davvero.

Sorrise, cercando di pensare ad altro.

Tutto era cominciato circa cinque mesi prima, quando per caso aveva scoperto sul banco di un mercatino un libro decisamente antico del quale non aveva mai sentito parlare. Il titolo era appena leggibile: “Sunrise”. Aveva deciso di comprarlo, visto anche il prezzo minimo, ma l’aveva lasciato da parte per un lungo periodo, perché oltre a non avere mai tempo per leggerlo, non era un genere che le interessava. Aveva sempre pensato di non essere fatta per l’avventura.

Fu un giorno dei tanti in cui i suoi si erano visti che lei decise di fare le valigie e andarsene, in un impulso di indipendenza e rabbia. Ma mentre metteva a punto un piano e buttava qualche abito in valigia, sua madre era entrata nella stanza a l’aveva scoperta. Furiosa con i suoi genitori perché non si preoccupavano per lei e con se stessa per non essere stata capace nemmeno di fuggire, aveva afferrato la prima cosa che le era capitata per le mani ed era corsa fuori dalla casa, per i sentieri di campagna che si ramificavano in quella zona. Ma quando si era accorta che aveva portato con sé quel libro, era troppo tardi per tornare indietro e prendere qualcos’altro.

Il primo impulso era stato quello di buttarlo in un fosso e tirare dritto, ma le ore trascorrevano decisamente lente e l’unico modo per far passare il tempo era distrarsi; così Ginevra aveva preso il romanzo e aveva iniziato a leggerlo. E non aveva più smesso fino a quando non l’aveva finito. O meglio, fino a quando non era arrivata a poco meno della fine, dato che la prima pagina dell’ultimo capitolo era bianca, e così anche tutte quelle dopo.

Aveva letto dodici volte “Sunrise”, e ora stava per fare tredici. Sì, perché, nonostante le trecentoquarantasei pagine, tutte le volte che iniziava a leggerlo non riusciva a smettere, veniva totalmente presa dal racconto, come se lei stessa fosse stata un personaggio.

Era una storia di pirati, una di quelle storie che non si sarebbe mai sognata di leggere se avesse saputo di cosa si trattava. Non aveva idea di chi fosse l’autore, aveva cercato informazioni su internet con il motore di ricerca ma non aveva trovato nulla che potesse avere a che fare con il libro. Quel libro per il mondo non esisteva.

Questo libro sarà la mia rovina. pensò sbadigliando. Forse dovrei gettarlo in un cestino e cercare di tornare a vivere la mia vita…

Già. La sua vita. Perché avrebbe dovuto farlo? Quel libro era decisamente più avventuroso ed emozionante della sua vera vita. Se fosse stata un personaggio di quel romanzo almeno avrebbe avuto il coraggio di dire a tutti in faccia quello che pensava, sarebbe stata più sicura di sé. Avrebbe potuto dire chiaramente ai suoi che aveva tutte le intenzioni di voler bene ad entrambi e soprattutto che voleva rimanere fuori da quella loro faida psicologica in cui l’unica arma era lei.

Si vergognò di nuovo dei suoi pensieri. Sapeva che i suoi genitori le volevano bene, ma il loro modo di comportarsi la portava a pensare che il loro solo scopo fosse farsi del male a vicenda, senza curarsi di cosa avrebbe potuto pensarne lei. Nessuno le aveva ovviamente chiesto cosa ne pensava del divorzio, cosa che purtroppo comprendeva. Erano ‘cose da grandi’. Ma usare ogni pretesto per litigare, anche in sua presenza, non le sembrava giusto.

Questo brano fa parte di una raccolta di testi che ho scritto durante la mia vita.

Questa raccolta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...